INTRODUZIONE La maggior parte delle infezioni associate all’assistenza sono dovute alla capacità che molti patogeni hanno di produrre biofilm sui diversi dispositivi medici utilizzati. Ad esempio, i pazienti sottoposti a ventilazione assistita sono particolarmente a rischio di sviluppare infezioni respiratorie legate alla formazione di biofilm da parte di Pseudomonas aeruginosa su tubi endotracheali (TE), che evolvono spesso in polmoniti severe. La maggior parte delle attuali conoscenze relative alla formazione di tali biofilm sui dispositivi medici derivano da studi in vitro su micropiastre in polistirene o su materiali plastici. Tuttavia, i risultati che derivano da questi studi non rispecchiano pienamente ciò che accade a livello clinico, poiché la formazione del biofilm è fortemente influenzata da parametri quali la forma e la composizione dei materiali usati per produrre i TE, oltre che da fattori di virulenza microbici. In questo studio abbiamo messo a punto un sistema innovativo in vitro per monitorare in tempo reale la formazione di biofilm di P. aeruginosa su TE. METODI Tramite l’utilizzo di un ceppo batterico geneticamente modificato bioluminescente, è stato possibile monitorare in tempo reale la formazione di biofilm direttamente sui TE, attraverso la valutazione della bioluminescenza (BL). La validità di tale metodo innovativo è stata comparata a metodiche standard (cristal violetto e microscopia confocale). E’ stata inoltre valutata la percentuale di cellule vive/morte nel del biofilm formato sui TE, la produzione di pioverdina e la presenza di DNA extracellulare (in fluorescenza). RISULTATI Dimostriamo che: 1) P. aeruginosa è in grado di produrre biofilm su TE 2) il segnale di BL, emesso solo da cellule vitali, è proporzionale al numero di batteri rilevabili mediante conta delle unità formanti colonia, 3) la quantificazione del segnale consente di misurare il biofilm prodotto tenendo conto non solo del contributo dei fattori microbici ma anche della forma e del materiale di cui sono fatti i TE, 4) è possibile studiare la produzione di fattori di virulenza e l’attività metabolica dei batteri incorporati nel biofilm sui TE. CONCLUSIONI Il modello descritto è ad oggi il sistema in vitro che mima più da vicino quello che può accadere nei pazienti con infezioni TE-associate. Per tale motivo potrà avere un’immediata applicazione per lo screening e la valutazione dell’attività anti- biofilm di nuovi farmaci come anche di nuovi materiali per la produzione di dispositivi medici.

MESSA A PUNTO DI UN SISTEMA INNOVATIVO PER MONITORARE IN TEMPO REALE LA FORMAZIONE DI BIOFILM DI PSEUDOMONAS AERUGINOSA SU TUBI ENDOTRACHEALI / Sala, A.; Pericolini, E.; Colombari, B.; Ferretti, G.; Iseppi, R.; Ardizzoni, A.; Girardis, M.; Castagnoli, A.; Peppoloni, S.; Blasi, E.. - (2018). ((Intervento presentato al convegno XLVII CONGRESSO NAZIONALE AMCLI 2018 tenutosi a Rimini nel 10-13 Novembre 2018.

MESSA A PUNTO DI UN SISTEMA INNOVATIVO PER MONITORARE IN TEMPO REALE LA FORMAZIONE DI BIOFILM DI PSEUDOMONAS AERUGINOSA SU TUBI ENDOTRACHEALI

A. Sala;E. Pericolini;B. Colombari;R. Iseppi;A. Ardizzoni;M. Girardis;A. Castagnoli;S. Peppoloni;E. Blasi
2018

Abstract

INTRODUZIONE La maggior parte delle infezioni associate all’assistenza sono dovute alla capacità che molti patogeni hanno di produrre biofilm sui diversi dispositivi medici utilizzati. Ad esempio, i pazienti sottoposti a ventilazione assistita sono particolarmente a rischio di sviluppare infezioni respiratorie legate alla formazione di biofilm da parte di Pseudomonas aeruginosa su tubi endotracheali (TE), che evolvono spesso in polmoniti severe. La maggior parte delle attuali conoscenze relative alla formazione di tali biofilm sui dispositivi medici derivano da studi in vitro su micropiastre in polistirene o su materiali plastici. Tuttavia, i risultati che derivano da questi studi non rispecchiano pienamente ciò che accade a livello clinico, poiché la formazione del biofilm è fortemente influenzata da parametri quali la forma e la composizione dei materiali usati per produrre i TE, oltre che da fattori di virulenza microbici. In questo studio abbiamo messo a punto un sistema innovativo in vitro per monitorare in tempo reale la formazione di biofilm di P. aeruginosa su TE. METODI Tramite l’utilizzo di un ceppo batterico geneticamente modificato bioluminescente, è stato possibile monitorare in tempo reale la formazione di biofilm direttamente sui TE, attraverso la valutazione della bioluminescenza (BL). La validità di tale metodo innovativo è stata comparata a metodiche standard (cristal violetto e microscopia confocale). E’ stata inoltre valutata la percentuale di cellule vive/morte nel del biofilm formato sui TE, la produzione di pioverdina e la presenza di DNA extracellulare (in fluorescenza). RISULTATI Dimostriamo che: 1) P. aeruginosa è in grado di produrre biofilm su TE 2) il segnale di BL, emesso solo da cellule vitali, è proporzionale al numero di batteri rilevabili mediante conta delle unità formanti colonia, 3) la quantificazione del segnale consente di misurare il biofilm prodotto tenendo conto non solo del contributo dei fattori microbici ma anche della forma e del materiale di cui sono fatti i TE, 4) è possibile studiare la produzione di fattori di virulenza e l’attività metabolica dei batteri incorporati nel biofilm sui TE. CONCLUSIONI Il modello descritto è ad oggi il sistema in vitro che mima più da vicino quello che può accadere nei pazienti con infezioni TE-associate. Per tale motivo potrà avere un’immediata applicazione per lo screening e la valutazione dell’attività anti- biofilm di nuovi farmaci come anche di nuovi materiali per la produzione di dispositivi medici.
XLVII CONGRESSO NAZIONALE AMCLI 2018
Rimini
10-13 Novembre 2018
Sala, A.; Pericolini, E.; Colombari, B.; Ferretti, G.; Iseppi, R.; Ardizzoni, A.; Girardis, M.; Castagnoli, A.; Peppoloni, S.; Blasi, E.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sala A. et al_AMCLI 2018.pdf

accesso aperto

Descrizione: Sala A. et al_AMCLI_2018
Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 581.84 kB
Formato Adobe PDF
581.84 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1167801
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact