Il critico-traduttore come “pensive man”: Massimo Bacigalupo e l’Angloliguria