Darwin, Spencer e le varietà umane