La (in)sostenibile leggerezza dell’innovazione. Alcuni spunti di riflessioni dalle industrie culturali