Qualche appunto su ‘Penultimi’ di Beppe Fenoglio