"Sic et non". Quanto ha ancora ragione Darwin?