Attualmente si dedica una grande attenzione per ricostruire la storia dell’alimentazione umana a partire dalla preistoria fino all’età moderna. Reperti archeologici tra i più consueti possono essere indagati per comprendere le dinamiche di procacciamento, di preparazione e di consumo dei cibi, dinamiche volte a consentire la sopravvivenza ma anche lo sviluppo socio-economico d’intere popolazioni e civiltà. L’archeobotanica è di fondamentale importanza per cercare di capire quali piante alimentari fossero utilizzate in passato e per ottenere informazioni su molti processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. In campo archeobotanico dati sull’alimentazione possono essere ottenuti da molte delle tipologie di reperti disponibili , ma sono soprattutto i reperti carpologici che riescono, se in buone condizioni, a fornire un livello d’identificazione utile a capire quali specie vegetali, se non addirittura sottospecie e varietà, coltivate/coltivabili o spontanee potessero essere consumate in passato. Per Mutina abbiamo analisi carpologiche per 7 siti (II sec. a.C. – VI sec. d.C.), escludendo i contesti funerari.

L’alimentazione vegetale: reperti archeobotanici / Bosi, G.; Rinaldi, R.; Mazzanti, M.. - (2017), pp. 329-331.

L’alimentazione vegetale: reperti archeobotanici

Bosi G.;Rinaldi R.;Mazzanti M.
2017

Abstract

Attualmente si dedica una grande attenzione per ricostruire la storia dell’alimentazione umana a partire dalla preistoria fino all’età moderna. Reperti archeologici tra i più consueti possono essere indagati per comprendere le dinamiche di procacciamento, di preparazione e di consumo dei cibi, dinamiche volte a consentire la sopravvivenza ma anche lo sviluppo socio-economico d’intere popolazioni e civiltà. L’archeobotanica è di fondamentale importanza per cercare di capire quali piante alimentari fossero utilizzate in passato e per ottenere informazioni su molti processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. In campo archeobotanico dati sull’alimentazione possono essere ottenuti da molte delle tipologie di reperti disponibili , ma sono soprattutto i reperti carpologici che riescono, se in buone condizioni, a fornire un livello d’identificazione utile a capire quali specie vegetali, se non addirittura sottospecie e varietà, coltivate/coltivabili o spontanee potessero essere consumate in passato. Per Mutina abbiamo analisi carpologiche per 7 siti (II sec. a.C. – VI sec. d.C.), escludendo i contesti funerari.
Mutina splendidissima. La città romana e la sua eredità
Malnati L., Pellegrini S., Piccinini F., Stefani C.
9788865573600
De Luca Editori d’Arte
ITALIA
L’alimentazione vegetale: reperti archeobotanici / Bosi, G.; Rinaldi, R.; Mazzanti, M.. - (2017), pp. 329-331.
Bosi, G.; Rinaldi, R.; Mazzanti, M.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1153121
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact