Il cattolicesimo italiano: un concorrente totalitario