Paolo Brusantini e la corte di Modena: alcune aggiunte