La continuità spezzata. Il riso secondo Bergson (e Freud)