Nossignore. La Grande Guerra come teatro di insubordinazione