Introduzione. Bellissima tra carte d’archivio e conflitti estetici