Cesare Zavattini racconta Antonio Ligabue, il suo <magnifico doppio>