La "compilazioncella" dell'Arangio-Ruiz e la coerenza formale delle 'inscriptiones' nel Digesto