La violenza contro le donne, quale modello di comportamento unidirezionale abusivo fondato sul genere, rappresenta un problema universale che colpisce tutti i paesi del mondo in maniera trasversale, storica espressione della disuguaglianza tra i sessi e di stereotipi maschili patriarcali . Nonostante i mutamenti socio-culturali avvenuti nel corso dei decenni e l’affermarsi di politiche di pari opportunità, tali manifestazioni di potere permangono, quali forme di sopraffazione, sfruttamento e discriminazione della donna, dentro e fuori la famiglia, con numeri ormai intollerabili. Si tratta di una categoria ampia e articolata di condotte, difficilmente elencabili in maniera esaustiva, volte ad aggredire e sopraffare un soggetto debole (la donna) attraverso l’espressione di un potere indiscusso di un soggetto forte (l’uomo), esercitate prevalentemente in contesti domestici così come talvolta anche a livello istituzionale . Questi abusi si sviluppano, infatti, secondo differenti azioni e percorsi, con conseguenze devastanti per la vittima, limitandone l’autostima e la capacità di autodeterminarsi, di esercitare i propri diritti e di partecipare concretamente e liberamente alla vita sociale. In un tale quadro, i comportamenti aggressivi si evolvono e si modificano, divenendo in alcuni casi anche particolarmente subdoli e poco riconoscibili, come accade con le forme più intrusive di contatto, sorveglianza e controllo, fattispecie in grado d’incidere pesantemente sulla salute psicologica di chi le subisce, oltre che spesso anche su quella fisica. In tale prospettiva, entra a pieno titolo nel contenitore della violenza di genere anche il cosiddetto stalking o atti persecutori, secondo la dizione del codice penale italiano , quale modalità di aggressione molesta fortemente legata ai contesti d’intimità e familiari, salita agli onori delle cronache in tempi relativamente recenti e ormai dai più riconosciuta come reato .

La violenza contro le donne e il fenomeno dello stalking / Sgarbi, Chiara. - STAMPA. - (2016), pp. 133-153.

La violenza contro le donne e il fenomeno dello stalking

SGARBI, Chiara
2016-01-01

Abstract

La violenza contro le donne, quale modello di comportamento unidirezionale abusivo fondato sul genere, rappresenta un problema universale che colpisce tutti i paesi del mondo in maniera trasversale, storica espressione della disuguaglianza tra i sessi e di stereotipi maschili patriarcali . Nonostante i mutamenti socio-culturali avvenuti nel corso dei decenni e l’affermarsi di politiche di pari opportunità, tali manifestazioni di potere permangono, quali forme di sopraffazione, sfruttamento e discriminazione della donna, dentro e fuori la famiglia, con numeri ormai intollerabili. Si tratta di una categoria ampia e articolata di condotte, difficilmente elencabili in maniera esaustiva, volte ad aggredire e sopraffare un soggetto debole (la donna) attraverso l’espressione di un potere indiscusso di un soggetto forte (l’uomo), esercitate prevalentemente in contesti domestici così come talvolta anche a livello istituzionale . Questi abusi si sviluppano, infatti, secondo differenti azioni e percorsi, con conseguenze devastanti per la vittima, limitandone l’autostima e la capacità di autodeterminarsi, di esercitare i propri diritti e di partecipare concretamente e liberamente alla vita sociale. In un tale quadro, i comportamenti aggressivi si evolvono e si modificano, divenendo in alcuni casi anche particolarmente subdoli e poco riconoscibili, come accade con le forme più intrusive di contatto, sorveglianza e controllo, fattispecie in grado d’incidere pesantemente sulla salute psicologica di chi le subisce, oltre che spesso anche su quella fisica. In tale prospettiva, entra a pieno titolo nel contenitore della violenza di genere anche il cosiddetto stalking o atti persecutori, secondo la dizione del codice penale italiano , quale modalità di aggressione molesta fortemente legata ai contesti d’intimità e familiari, salita agli onori delle cronache in tempi relativamente recenti e ormai dai più riconosciuta come reato .
Percorsi di eguaglianza
Rescigno, Francesca
978-88-921-0574-4
Giappichelli
ITALIA
La violenza contro le donne e il fenomeno dello stalking / Sgarbi, Chiara. - STAMPA. - (2016), pp. 133-153.
Sgarbi, Chiara
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Violenza contro le donne e stalking-Percorsi di Eguaglianza-Sgarbi.pdf

Open access

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione pubblicata dall'editore
Dimensione 1.8 MB
Formato Adobe PDF
1.8 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1126960
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact