Simulazioni e "dédoublements". La strategia teatrale di posseduti e sonnambuli