Matteo Ricci scelse il laico Confucio come interlocutore privilegiato per conquistare il Celeste Impero alla cristianità. Ma il suo successore Longobardo vide in quel modello di morale separata dalla religione un pericolo per il cristianesimo. Nelle interpretazioni missionarie la parola ateo assunse connotazioni opposte che si riverberarono nelle discussioni in Europa

Ateismo in Cina andata e ritorno / Catto, Michela. - In: PROMETEO. - ISSN 0394-1639. - 127:(2014), pp. 46-53.

Ateismo in Cina andata e ritorno.

CATTO, MICHELA
2014-01-01

Abstract

Matteo Ricci scelse il laico Confucio come interlocutore privilegiato per conquistare il Celeste Impero alla cristianità. Ma il suo successore Longobardo vide in quel modello di morale separata dalla religione un pericolo per il cristianesimo. Nelle interpretazioni missionarie la parola ateo assunse connotazioni opposte che si riverberarono nelle discussioni in Europa
127
46
53
Ateismo in Cina andata e ritorno / Catto, Michela. - In: PROMETEO. - ISSN 0394-1639. - 127:(2014), pp. 46-53.
Catto, Michela
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
59. Prometeo.pdf

Open access

Tipologia: Versione pubblicata dall'editore
Dimensione 824.26 kB
Formato Adobe PDF
824.26 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1124397
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact