Qualitativo/quantitativo: ripensare la distinzione