Seconde generazioni e famiglie: stabilità instabili