«Come nave in tempo borascoso». Pietro Campori e la diocesi di Cremona