The aim of this article is to analyse, from a criminological point of view, the concept of psychopathy, aetiology, comorbidity, and the classification of psychopathic personalities, as well as their criminal-violent dimension, considering also criminal career and recurring typologies of crimes. In fact, the typical criminal history of psychopathic offender is characterized by a broad criminal versatility and by a high degree of recidivism. Thus, psychopathy is basically discovered among murderers, serial killers, sexual offenders and white-collar criminals. Starting from a review of the most recent and important references on definition aspects and the existing link between psicopathy and violent behaviors, the article also tackles the complicated issues of culpability and prison treatment of psychopaths.

Lo scopo di questo articolo è di indagare e approfondire, in chiave criminologica, il concetto di psicopatia, l’eziologia, la comorbidità, le classificazioni delle personalità psicopatiche, nonché la loro dimensione violenta e criminale, considerando anche carriera criminale e tipologie di delitti generalmente riscontrati. La tipica storia delinquenziale dello psicopatico autore di reati è, infatti, caratterizzata da un’ampia versatilità e da alti tassi di recidiva. Il quadro psicopatico è, così, tendenzialmente riscontrabile negli assassini, nei serial killer, nei predatori sessuali e nella criminalità dei colletti bianchi. A partire da una rassegna della letteratura più recente e autorevole concernente gli aspetti definitori oltre che il legame esistente tra psicopatia e condotte violente, l’articolo affronta la complicata questione dell’imputabilità dello psicopatico e si concentra altresì sul problema del suo trattamento in ambito carcerario.

Psicopatia e violenza: rassegna criminologica / De Fazio, Giovanna Laura; Bignardi Baracchi, F.; Sgarbi, Chiara. - In: RASSEGNA ITALIANA DI CRIMINOLOGIA. - ISSN 1121-1717. - STAMPA. - 1:(2016), pp. 32-41.

Psicopatia e violenza: rassegna criminologica

DE FAZIO, Giovanna Laura;SGARBI, Chiara
2016

Abstract

Lo scopo di questo articolo è di indagare e approfondire, in chiave criminologica, il concetto di psicopatia, l’eziologia, la comorbidità, le classificazioni delle personalità psicopatiche, nonché la loro dimensione violenta e criminale, considerando anche carriera criminale e tipologie di delitti generalmente riscontrati. La tipica storia delinquenziale dello psicopatico autore di reati è, infatti, caratterizzata da un’ampia versatilità e da alti tassi di recidiva. Il quadro psicopatico è, così, tendenzialmente riscontrabile negli assassini, nei serial killer, nei predatori sessuali e nella criminalità dei colletti bianchi. A partire da una rassegna della letteratura più recente e autorevole concernente gli aspetti definitori oltre che il legame esistente tra psicopatia e condotte violente, l’articolo affronta la complicata questione dell’imputabilità dello psicopatico e si concentra altresì sul problema del suo trattamento in ambito carcerario.
1
32
41
Psicopatia e violenza: rassegna criminologica / De Fazio, Giovanna Laura; Bignardi Baracchi, F.; Sgarbi, Chiara. - In: RASSEGNA ITALIANA DI CRIMINOLOGIA. - ISSN 1121-1717. - STAMPA. - 1:(2016), pp. 32-41.
DE FAZIO, Giovanna Laura; Bignardi Baracchi, F.; Sgarbi, Chiara
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
De Fazio-Barcchi Bignardi-Sgarbi.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Post-print dell'autore (bozza post referaggio)
Dimensione 178.49 kB
Formato Adobe PDF
178.49 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1116707
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact