Il commento ha ad oggetto l’esame della disciplina codicistica dell’imprenditore agricolo nel contesto della normativa dell’Unione europea, ed in particolare della nuova PAC 2014-2020, alla luce delle più recenti posizioni dottrinali e giurisprudenziali. Il commento focalizza l’attenzione anche sulle tematiche del rapporto tra impresa agricola e legislazione fallimentare, nelle più recenti disposizioni legislative, sulla loro interpretazione, sugli orientamenti dottrinali sul tema della assoggettabilità dell’impresa agricola al fallimento. Il commento si estende all’esame della definizione di imprenditore ittico e alle attività connesse da esso svolte prima e dopo la riforma del 2012, ad opera del d.lgs. 9 gen. 2012, n.4 e l. 7 ago. 2012, n.134, che ha ricompreso l’acquacoltore nell’ambito dell’imprenditore ittico, ha eliminato l’equiparazione dell’imprenditore ittico all’imprenditore agricolo dopo averne ampliato le sue attività principali, estendendo semplicemente all’imprenditore pescatore le disposizioni previste per l’imprenditore agricolo, salve le regole più favorevoli, con la conseguenza che l’impresa ittica mutua le regole dell’impresa agricola, ma non si assimila ad essa.

Commento agli artt. 2135-2140 c.c / Manservisi, Silvia. - (2014), pp. 2555-2591.

Commento agli artt. 2135-2140 c.c

MANSERVISI, Silvia
2014

Abstract

Il commento ha ad oggetto l’esame della disciplina codicistica dell’imprenditore agricolo nel contesto della normativa dell’Unione europea, ed in particolare della nuova PAC 2014-2020, alla luce delle più recenti posizioni dottrinali e giurisprudenziali. Il commento focalizza l’attenzione anche sulle tematiche del rapporto tra impresa agricola e legislazione fallimentare, nelle più recenti disposizioni legislative, sulla loro interpretazione, sugli orientamenti dottrinali sul tema della assoggettabilità dell’impresa agricola al fallimento. Il commento si estende all’esame della definizione di imprenditore ittico e alle attività connesse da esso svolte prima e dopo la riforma del 2012, ad opera del d.lgs. 9 gen. 2012, n.4 e l. 7 ago. 2012, n.134, che ha ricompreso l’acquacoltore nell’ambito dell’imprenditore ittico, ha eliminato l’equiparazione dell’imprenditore ittico all’imprenditore agricolo dopo averne ampliato le sue attività principali, estendendo semplicemente all’imprenditore pescatore le disposizioni previste per l’imprenditore agricolo, salve le regole più favorevoli, con la conseguenza che l’impresa ittica mutua le regole dell’impresa agricola, ma non si assimila ad essa.
Commentario breve al codice civile
G.Cian-A.Trabucchi
9788813337179
cedam
ITALIA
Commento agli artt. 2135-2140 c.c / Manservisi, Silvia. - (2014), pp. 2555-2591.
Manservisi, Silvia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Comm. Cian Trab. 2014, Art.2135-2140 c.c..pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 6.03 MB
Formato Adobe PDF
6.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1110364
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact