Curare la malattia da HIV: ritorno al paziente?