Gentile, il modernismo e la religione