"Io": un indicale essenziale?