"Qual povertà produce la mia Musa": intorno alla traduzione di un sonetto di Roger McGough