Dal dispotismo al totalitarismo: Hannah Arendt