«Razza»: il ritorno di una categoria controversa?