Si puo’ migliorare la stratificazione del rischio tromboembolico combinando il CHADS2 score con presenza e durata della fibrillazione atriale?