La necessità di migliorare i livelli di sicurezza del volo nell’ambito dell’aviazione civile attraverso una sempre più efficace azione di prevenzione a tutto campo continua ad essere al centro dell’attenzione del legislatore internazionale (identificabile essenzialmente nell’ICAO, International Civil Aviation Organization) e di quello dell’Unione europea. In tale contesto si collocano alcune recenti iniziative normative finalizzate, da un lato, a rendere più incisive le inchieste di sicurezza, dall’altro, a gettare le premesse per la creazione, a livello di istituzioni e di operatori del settore, di sistemi di prevenzione pro-attiva diffusi ed efficaci. In particolare, per quanto concerne le inchieste di sicurezza in campo aeronautico (quelle cioè che hanno esclusivamente finalità di prevenzione e non di accertamento di eventuali responsabilità), le novità più significative provengono dal regolamento UE n. 996/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, che ha abrogato la direttiva 94/56/CE. Nel predetto regolamento, tra l’altro, si afferma il principio secondo cui il giusto equilibrio tra le esigenze della prevenzione e quelle di giustizia è fondamentale per garantire l’interesse pubblico generale. Coerentemente con tale affermazione e con il fine di evitare penalizzazioni al regolare svolgimento delle inchieste di sicurezza sono state emanate alcune disposizioni, che finiscono per interferire con le norme di procedura penale dei singoli Stati membri (Italia compresa), imponendo così a tutti gli operatori del diritto (magistrati in primis) di adeguarsi alle novità introdotte dal legislatore dell’Unione europea. Relativamente invece alle iniziative finalizzate a rendere più incisiva l’attività di prevenzione pro-attiva, le novità più importanti a livello normativo sono rappresentate dall’Allegato 19 “Safety Management” alla Convenzione relativa all’aviazione civile internazionale e dal regolamento UE n. 376/2014 concernente la segnalazione di taluni eventi nel settore dell’aviazione civile (occurrence reporting), che ha abrogato la direttiva 2003/42/CE. Il volume, attraverso i contributi di insigni giuristi e di operatori del diritto e del settore aeronautico, si prefigge l’obiettivo di approfondire le novità più importanti introdotte o in via di introduzione da parte delle predette fonti normative.

Prevenzione degli incidenti aerei. La nuova normativa internazionale e dell'unione europea / Franchi, Bruno; Vernizzi, Simone. - STAMPA. - (2015), pp. 1-254.

Prevenzione degli incidenti aerei. La nuova normativa internazionale e dell'unione europea

FRANCHI, Bruno;VERNIZZI, Simone
2015

Abstract

La necessità di migliorare i livelli di sicurezza del volo nell’ambito dell’aviazione civile attraverso una sempre più efficace azione di prevenzione a tutto campo continua ad essere al centro dell’attenzione del legislatore internazionale (identificabile essenzialmente nell’ICAO, International Civil Aviation Organization) e di quello dell’Unione europea. In tale contesto si collocano alcune recenti iniziative normative finalizzate, da un lato, a rendere più incisive le inchieste di sicurezza, dall’altro, a gettare le premesse per la creazione, a livello di istituzioni e di operatori del settore, di sistemi di prevenzione pro-attiva diffusi ed efficaci. In particolare, per quanto concerne le inchieste di sicurezza in campo aeronautico (quelle cioè che hanno esclusivamente finalità di prevenzione e non di accertamento di eventuali responsabilità), le novità più significative provengono dal regolamento UE n. 996/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, che ha abrogato la direttiva 94/56/CE. Nel predetto regolamento, tra l’altro, si afferma il principio secondo cui il giusto equilibrio tra le esigenze della prevenzione e quelle di giustizia è fondamentale per garantire l’interesse pubblico generale. Coerentemente con tale affermazione e con il fine di evitare penalizzazioni al regolare svolgimento delle inchieste di sicurezza sono state emanate alcune disposizioni, che finiscono per interferire con le norme di procedura penale dei singoli Stati membri (Italia compresa), imponendo così a tutti gli operatori del diritto (magistrati in primis) di adeguarsi alle novità introdotte dal legislatore dell’Unione europea. Relativamente invece alle iniziative finalizzate a rendere più incisiva l’attività di prevenzione pro-attiva, le novità più importanti a livello normativo sono rappresentate dall’Allegato 19 “Safety Management” alla Convenzione relativa all’aviazione civile internazionale e dal regolamento UE n. 376/2014 concernente la segnalazione di taluni eventi nel settore dell’aviazione civile (occurrence reporting), che ha abrogato la direttiva 2003/42/CE. Il volume, attraverso i contributi di insigni giuristi e di operatori del diritto e del settore aeronautico, si prefigge l’obiettivo di approfondire le novità più importanti introdotte o in via di introduzione da parte delle predette fonti normative.
9788834859568
Giappichelli
ITA
Prevenzione degli incidenti aerei. La nuova normativa internazionale e dell'unione europea / Franchi, Bruno; Vernizzi, Simone. - STAMPA. - (2015), pp. 1-254.
Franchi, Bruno; Vernizzi, Simone
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI AEREI.pdf

accesso aperto

Descrizione: Indice e frontespizio
Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 426.91 kB
Formato Adobe PDF
426.91 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1076724
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact