Il teorema di Pitagora con le macchine matematiche