Chi più spende, meno (e)spande?