Lungi dall’introdurre nel nostro ordinamento la proposta – di origine dottrinale – del c.d. “contratto unico a tutele crescenti”, neppure nella sua versione più soft di “contratto unico di inserimento”, lo schema di decreto legislativo in esame si limita a ridisegnare, in termini di ampia flessibilità per le imprese e maggiore certezza del diritto, il regime di tutele che accompagna, in caso di licenziamento illegittimo, il lavoratore subordinato assunto a tempo indeterminato avviando con ciò un processo di superamento, riservato per ora unicamente ai nuovi assunti, dell’art. 18 Stat. lav. Il contratto a tutele crescenti altro non è, insomma, che «il normale contratto di lavoro a tempo indeterminato, a disciplina del licenziamento rivisitata». Per valutare l’effettiva portata della nuova disciplina del contratto a tutele crescenti, anche in termini di «canale normale, o forse unico, per assicurare l’inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro» delle persone in cerca di occupazione, resta invero da attendere – se e quando mai vi sarà – l’annunciato intervento di contestuale riduzione – o, comunque, limitazione nell’utilizzo – delle tipologie di lavoro flessibile e temporaneo. E con esso la relativa – quanto, allo stato, per nulla scontata – marcia indietro rispetto a quella decisa liberalizzazione del contratto a tempo determinato che, in controtendenza rispetto agli obiettivi della l. n. 183/2014, ha indubbiamente caratterizzato la prima fase di attuazione del c.d. Jobs Act.

Il contratto a tutele crescenti: spazi di applicabilità in caso di apprendistato e somministrazione di lavoro / Tiraboschi, Michele. - ELETTRONICO. - 37:(2015), pp. 107-118.

Il contratto a tutele crescenti: spazi di applicabilità in caso di apprendistato e somministrazione di lavoro

Tiraboschi, Michele
2015-01-01

Abstract

Lungi dall’introdurre nel nostro ordinamento la proposta – di origine dottrinale – del c.d. “contratto unico a tutele crescenti”, neppure nella sua versione più soft di “contratto unico di inserimento”, lo schema di decreto legislativo in esame si limita a ridisegnare, in termini di ampia flessibilità per le imprese e maggiore certezza del diritto, il regime di tutele che accompagna, in caso di licenziamento illegittimo, il lavoratore subordinato assunto a tempo indeterminato avviando con ciò un processo di superamento, riservato per ora unicamente ai nuovi assunti, dell’art. 18 Stat. lav. Il contratto a tutele crescenti altro non è, insomma, che «il normale contratto di lavoro a tempo indeterminato, a disciplina del licenziamento rivisitata». Per valutare l’effettiva portata della nuova disciplina del contratto a tutele crescenti, anche in termini di «canale normale, o forse unico, per assicurare l’inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro» delle persone in cerca di occupazione, resta invero da attendere – se e quando mai vi sarà – l’annunciato intervento di contestuale riduzione – o, comunque, limitazione nell’utilizzo – delle tipologie di lavoro flessibile e temporaneo. E con esso la relativa – quanto, allo stato, per nulla scontata – marcia indietro rispetto a quella decisa liberalizzazione del contratto a tempo determinato che, in controtendenza rispetto agli obiettivi della l. n. 183/2014, ha indubbiamente caratterizzato la prima fase di attuazione del c.d. Jobs Act.
I decreti attuativi del Jobs Act: prima lettura e interpretazioni. Commentario agli schemi di decreto legislativo presentati al Consiglio dei Ministri del 24 dicembre 2014 e alle disposizioni lavoristiche della legge di stabilità
Franco Carinci, Michele Tiraboschi
9788898652396
ADAPT University Press
ITALIA
Il contratto a tutele crescenti: spazi di applicabilità in caso di apprendistato e somministrazione di lavoro / Tiraboschi, Michele. - ELETTRONICO. - 37:(2015), pp. 107-118.
Tiraboschi, Michele
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ebook_vol_37_tiraboschi_107.pdf

Open access

Descrizione: Intero contributo
Tipologia: Versione pubblicata dall'editore
Dimensione 330.06 kB
Formato Adobe PDF
330.06 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1062238
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact