Perché piacciono maghi e vampiri: letteratura, cognitivismo e controfattualità