Recenti test sul potenziale socio-cognitivo e il valore edonico di testi letterari che utilizzano elementi magici rivelano come la controfattualità costituisca una ‘palestra mentale’ per i lettori: essi apprendono a elaborare spiegazioni causali complesse e incrementano i fattori coinvolti nel costituirsi della coesione sociale, sia nel caso di lettori young adult sia nel caso di lettori adulti. Lo psicologo Eugene Subbotsky ha dimostrato che la magia ci rende più sensibili alle operazioni di Teoria della Mente e socialmente empatici, mentre un gruppo di narratologi ha di recente misu- rato i tempi di riassorbimento della dissonanza cognitiva prodotta dall’elemento magico: ciò rie- sce fra l’altro a spiegare il grande successo di Harry Potter e della saga di Twilight.

L'articolo indaga i meccanismi contrattuali della letteratura dal punto di vista neurocognitivista.

Perché piacciono maghi e vampiri: letteratura, cognitivismo e controfattualità / Calabrese, Stefano; Uboldi, Sara. - In: ENTHYMEMA. - ISSN 2037-2426. - ELETTRONICO. - XI:(2014), pp. 129-137.

Perché piacciono maghi e vampiri: letteratura, cognitivismo e controfattualità

CALABRESE, Stefano;UBOLDI, SARA
2014

Abstract

Recenti test sul potenziale socio-cognitivo e il valore edonico di testi letterari che utilizzano elementi magici rivelano come la controfattualità costituisca una ‘palestra mentale’ per i lettori: essi apprendono a elaborare spiegazioni causali complesse e incrementano i fattori coinvolti nel costituirsi della coesione sociale, sia nel caso di lettori young adult sia nel caso di lettori adulti. Lo psicologo Eugene Subbotsky ha dimostrato che la magia ci rende più sensibili alle operazioni di Teoria della Mente e socialmente empatici, mentre un gruppo di narratologi ha di recente misu- rato i tempi di riassorbimento della dissonanza cognitiva prodotta dall’elemento magico: ciò rie- sce fra l’altro a spiegare il grande successo di Harry Potter e della saga di Twilight.
XI
129
137
Perché piacciono maghi e vampiri: letteratura, cognitivismo e controfattualità / Calabrese, Stefano; Uboldi, Sara. - In: ENTHYMEMA. - ISSN 2037-2426. - ELETTRONICO. - XI:(2014), pp. 129-137.
Calabrese, Stefano; Uboldi, Sara
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
N. 11 (2014) - ENTHYMEMA Sommario (2 files merged).pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 676.63 kB
Formato Adobe PDF
676.63 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1062135
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact