La Pieve della Sagra di Carpi tra continuità e trasformazione