«I brand modenesi fanno gola agli speculatori di tutto il mondo»