«La legge arranca dietro la tecnologia»