La “normale” complessità del venire al mondo: incontro tra scienze mediche e scienze umane