Erik Satie e la Parigi del suo tempo