Secondo la teoria delle immagini (Alexander et al., 1999; Herrmann, 1985), le percezioni relative alle relazioni strategiche tra nazioni (compatibilità degli obiettivi, potere e status culturale relativi) generano differenti stereotipi dell’outgroup (e.g., nemico, alleato). Nel contesto dell’attuale guerra al terrorismo, identificare le immagini che le altre nazioni hanno degli Stati Uniti può consentire di prevedere le reazioni di queste nazioni alla politica estera americana (Alexander et al., 2005).In questo studio, si sono rilevate le percezioni che gli italiani hanno degli americani, adottando sia una tecnica diretta (scale tipo Likert) che una tecnica indiretta (differenziale semantico). Si sono considerate le immagini di alleato, barbaro, imperialista e nemico, e si è proposta una nuova immagine: padre (interdipendenza positiva, maggior potere dell’outgroup, status superiore dell’ingroup). Si sono verificati, inoltre, gli effetti dell’orientamento politico e dell’identificazione con l’ingroup nazionale. Si è ipotizzato che i partecipanti di destra (N = 92) adottino, in riferimento agli Stati Uniti, le immagini di padre e alleato; i rispondenti di sinistra (N = 102), invece, dovrebbero usare le immagini di barbaro, imperialista e nemico. L’identificazione con l’ingroup italiano dovrebbe rendere più saliente il ricordo della liberazione americana e la lunga storia di collaborazione tra Italia e Stati Uniti; si è ipotizzato, quindi, che l’identificazione influenzi positivamente, per i partecipanti di destra, l’uso delle immagini di padre e alleato.I risultati ottenuti con la tecnica diretta mostrano che i partecipanti americani usano solo l’immagine di alleato, mentre i partecipanti di sinistra vedono gli americani come barbari, imperialisti e nemici. L’applicazione della tecnica indiretta mostra, per i partecipanti di destra, una correlazione positiva del concetto Americano con Alleato e Padre; i partecipanti di sinistra associano il concetto Americano con Imperialista, Barbaro e Nemico. Infine, come ipotizzato, l’identificazione influenza positivamente, nei partecipanti di destra, le percezioni dell’outgroup americano come alleato o padre.

Americani: barbari o alleati? / E., Trifiletti; D., Capozza; Vezzali, Loris; A., Andrighetto. - STAMPA. - 1:(2007), pp. 223-223. ((Intervento presentato al convegno VIII congresso nazionale dell'Associazione Italiana di Psicologia - Sezione di Psicologia Sociale tenutosi a Cesena nel 24-26 settembre.

Americani: barbari o alleati?

VEZZALI, Loris;
2007

Abstract

Secondo la teoria delle immagini (Alexander et al., 1999; Herrmann, 1985), le percezioni relative alle relazioni strategiche tra nazioni (compatibilità degli obiettivi, potere e status culturale relativi) generano differenti stereotipi dell’outgroup (e.g., nemico, alleato). Nel contesto dell’attuale guerra al terrorismo, identificare le immagini che le altre nazioni hanno degli Stati Uniti può consentire di prevedere le reazioni di queste nazioni alla politica estera americana (Alexander et al., 2005).In questo studio, si sono rilevate le percezioni che gli italiani hanno degli americani, adottando sia una tecnica diretta (scale tipo Likert) che una tecnica indiretta (differenziale semantico). Si sono considerate le immagini di alleato, barbaro, imperialista e nemico, e si è proposta una nuova immagine: padre (interdipendenza positiva, maggior potere dell’outgroup, status superiore dell’ingroup). Si sono verificati, inoltre, gli effetti dell’orientamento politico e dell’identificazione con l’ingroup nazionale. Si è ipotizzato che i partecipanti di destra (N = 92) adottino, in riferimento agli Stati Uniti, le immagini di padre e alleato; i rispondenti di sinistra (N = 102), invece, dovrebbero usare le immagini di barbaro, imperialista e nemico. L’identificazione con l’ingroup italiano dovrebbe rendere più saliente il ricordo della liberazione americana e la lunga storia di collaborazione tra Italia e Stati Uniti; si è ipotizzato, quindi, che l’identificazione influenzi positivamente, per i partecipanti di destra, l’uso delle immagini di padre e alleato.I risultati ottenuti con la tecnica diretta mostrano che i partecipanti americani usano solo l’immagine di alleato, mentre i partecipanti di sinistra vedono gli americani come barbari, imperialisti e nemici. L’applicazione della tecnica indiretta mostra, per i partecipanti di destra, una correlazione positiva del concetto Americano con Alleato e Padre; i partecipanti di sinistra associano il concetto Americano con Imperialista, Barbaro e Nemico. Infine, come ipotizzato, l’identificazione influenza positivamente, nei partecipanti di destra, le percezioni dell’outgroup americano come alleato o padre.
VIII congresso nazionale dell'Associazione Italiana di Psicologia - Sezione di Psicologia Sociale
Cesena
24-26 settembre
E., Trifiletti; D., Capozza; Vezzali, Loris; A., Andrighetto
Americani: barbari o alleati? / E., Trifiletti; D., Capozza; Vezzali, Loris; A., Andrighetto. - STAMPA. - 1:(2007), pp. 223-223. ((Intervento presentato al convegno VIII congresso nazionale dell'Associazione Italiana di Psicologia - Sezione di Psicologia Sociale tenutosi a Cesena nel 24-26 settembre.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/670849
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact