Si tratta della copia autenticata nel 1337 dello statuto dei giudici e degli avvocati modenesi risalente al 1270.Il pregevolissimo esemplare, arricchito tra l’altro di una splendida miniatura raffigurante il collegio medesimo, è custodito presso l’Archivio Storico del Comune di Modena.Lo statuto consta di 13 titoli in cui, nella forma non coerente di una raccolta alluvionale, vengono regolati gli aspetti più rilevanti della vita dall’associazione professionale: organi di rappresentanza e di gestione, requisiti e modalità di immatricolazione, regole di distribuzione degli incarichi, deontologia professionale ecc. Allo statuto vero proprio il documento propone anche la matricola dei nomi dei collegiati e le integrazioni statutarie dei secc. XV e XVI.L’analisi del documento evidenzia, tra l’altro, l’unità culturale e professionale del giurista, che può svolgere attività di giudizio, di consulenza o di patrocinio senza steccati precostituiti. Inoltre, si manifesta chiarissimo lo stretto rapporto funzionale intercorrente tra il comune cittadino e il collegio medesimo.La riproduzione fotografica del documento verrà affiancata da una trascrizione e da una traduzione e sarà preceduta da due saggi di esegesi e di contestualizzazione storico-sociale a cura del Prof. Elio Tavilla e della Dott.ssa Valeria Braidi. il primo, di E. Tavilla indaga l'istituzione a cui è dedicata l'edizione; il secondo, di V. Braidi, affronta il tema della società urbana di Modena fra XIII e XIV secolo.

Statuti del Collegio dei giudici e degli avvocati della città di Modena 1270-1337 / Tavilla, Carmelo Elio. - STAMPA. - (2006), pp. 1-114.

Statuti del Collegio dei giudici e degli avvocati della città di Modena 1270-1337

TAVILLA, Carmelo Elio
2006

Abstract

Si tratta della copia autenticata nel 1337 dello statuto dei giudici e degli avvocati modenesi risalente al 1270.Il pregevolissimo esemplare, arricchito tra l’altro di una splendida miniatura raffigurante il collegio medesimo, è custodito presso l’Archivio Storico del Comune di Modena.Lo statuto consta di 13 titoli in cui, nella forma non coerente di una raccolta alluvionale, vengono regolati gli aspetti più rilevanti della vita dall’associazione professionale: organi di rappresentanza e di gestione, requisiti e modalità di immatricolazione, regole di distribuzione degli incarichi, deontologia professionale ecc. Allo statuto vero proprio il documento propone anche la matricola dei nomi dei collegiati e le integrazioni statutarie dei secc. XV e XVI.L’analisi del documento evidenzia, tra l’altro, l’unità culturale e professionale del giurista, che può svolgere attività di giudizio, di consulenza o di patrocinio senza steccati precostituiti. Inoltre, si manifesta chiarissimo lo stretto rapporto funzionale intercorrente tra il comune cittadino e il collegio medesimo.La riproduzione fotografica del documento verrà affiancata da una trascrizione e da una traduzione e sarà preceduta da due saggi di esegesi e di contestualizzazione storico-sociale a cura del Prof. Elio Tavilla e della Dott.ssa Valeria Braidi. il primo, di E. Tavilla indaga l'istituzione a cui è dedicata l'edizione; il secondo, di V. Braidi, affronta il tema della società urbana di Modena fra XIII e XIV secolo.
N/A
Archivio Storico del Comune di Modena
ITALIA
Statuti del Collegio dei giudici e degli avvocati della città di Modena 1270-1337 / Tavilla, Carmelo Elio. - STAMPA. - (2006), pp. 1-114.
Tavilla, Carmelo Elio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
statuti1270-1337-2.jpg

accesso aperto

Descrizione: Copertina
Tipologia: Altro materiale allegato
Dimensione 23.32 kB
Formato JPEG
23.32 kB JPEG Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/630618
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact