Negli ultimi decenni, i fitofarmaci di sintesi hanno consentito di controllare con successo gli artropodi dannosi per le colture agrarie. Tuttavia, l’uso intensivo di insetticidi desta preoccupazione per i possibili effetti negativi per l’uomo e l’ambiente. Inoltre, in alcuni casi, tali prodotti hanno determinato l'insorgenza di resistenze nei fitofagi bersaglio, nonché effetti indesiderati su antagonisti naturali e su insetti impollinatori. Pertanto le tecniche di difesa fitosanitaria si sono orientate verso forme di controllo maggiormente eco-compatibili quali l’uso di molecole bioattive di origine naturale, ritenute più facilmente biodegradabili e dotate di più elevata specificità d’azione. Queste sostanze possono inoltre servire come modelli strutturali per la sintesi di nuovi principi attivi a ridotto impatto ambientale. Saggi comportamentali ed elettrofisiologici hanno evidenziato che colture di funghi del genere Trichoderma sono in grado di esercitare un’azione “antifeedant” nei riguardi di alcune specie di afidi e che le strutture responsabili della percezione sono localizzate sui tarsi. Si è ipotizzato che tale attività sia legata alla produzione di metaboliti secondari e sono iniziate indagini multidisciplinari per individuare metaboliti con attività antifeedant prodotti da Trichoderma citrinoviride e T. harzianum. Estratti organici ottenuti dalle colture su riso dei due isolati e risultati attivi in test comportamentali ed elettrofisiologici, sono stati purificati mediante metodi cromatografici ottenendo gruppi di frazioni omogenee, alcune delle quali hanno mostrato una significativa attività. Indagini cromatografiche e spettroscopiche preliminari hanno dimostrato una natura lipofila ed un peso molecolare medio-basso associato ad alcuni metaboliti attivi.

Afidi e attività antifeedant di metaboliti estratti da funghi del genere Trichoderma / Ganassi, Sonia; A., Andolfi; C., Altomare; A., De cristofaro; A., Evidente; Sabatini, Maria Agnese. - STAMPA. - non disponibile:(2006), pp. 66-66. ((Intervento presentato al convegno 67° Congresso U.Z.I tenutosi a Napoli nel 12-15 settembre 2006.

Afidi e attività antifeedant di metaboliti estratti da funghi del genere Trichoderma

GANASSI, Sonia;SABATINI, Maria Agnese
2006-01-01

Abstract

Negli ultimi decenni, i fitofarmaci di sintesi hanno consentito di controllare con successo gli artropodi dannosi per le colture agrarie. Tuttavia, l’uso intensivo di insetticidi desta preoccupazione per i possibili effetti negativi per l’uomo e l’ambiente. Inoltre, in alcuni casi, tali prodotti hanno determinato l'insorgenza di resistenze nei fitofagi bersaglio, nonché effetti indesiderati su antagonisti naturali e su insetti impollinatori. Pertanto le tecniche di difesa fitosanitaria si sono orientate verso forme di controllo maggiormente eco-compatibili quali l’uso di molecole bioattive di origine naturale, ritenute più facilmente biodegradabili e dotate di più elevata specificità d’azione. Queste sostanze possono inoltre servire come modelli strutturali per la sintesi di nuovi principi attivi a ridotto impatto ambientale. Saggi comportamentali ed elettrofisiologici hanno evidenziato che colture di funghi del genere Trichoderma sono in grado di esercitare un’azione “antifeedant” nei riguardi di alcune specie di afidi e che le strutture responsabili della percezione sono localizzate sui tarsi. Si è ipotizzato che tale attività sia legata alla produzione di metaboliti secondari e sono iniziate indagini multidisciplinari per individuare metaboliti con attività antifeedant prodotti da Trichoderma citrinoviride e T. harzianum. Estratti organici ottenuti dalle colture su riso dei due isolati e risultati attivi in test comportamentali ed elettrofisiologici, sono stati purificati mediante metodi cromatografici ottenendo gruppi di frazioni omogenee, alcune delle quali hanno mostrato una significativa attività. Indagini cromatografiche e spettroscopiche preliminari hanno dimostrato una natura lipofila ed un peso molecolare medio-basso associato ad alcuni metaboliti attivi.
67° Congresso U.Z.I
Napoli
12-15 settembre 2006
Ganassi, Sonia; A., Andolfi; C., Altomare; A., De cristofaro; A., Evidente; Sabatini, Maria Agnese
Afidi e attività antifeedant di metaboliti estratti da funghi del genere Trichoderma / Ganassi, Sonia; A., Andolfi; C., Altomare; A., De cristofaro; A., Evidente; Sabatini, Maria Agnese. - STAMPA. - non disponibile:(2006), pp. 66-66. ((Intervento presentato al convegno 67° Congresso U.Z.I tenutosi a Napoli nel 12-15 settembre 2006.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/614836
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact