La chiesa di Sant'Agostino, topograficamente ultima presenza religiosa (quasi "di confine", o "di cerniera" verso il contado) entro la cerchia muraria modenese, rievoca - tutt'insieme - personaggi illustri, ordini devozionali e potere politico, vicende economiche e gestionali, cerimonie e fasti artistici. In un arco temporale di quasi sette secoli, a partire dall'impianto primitivo.Attraverso quelle della chiesa, si possono leggere e interpretate vicende dalle moderne connotazioni: di poco influenti ordini mendicanti alla ricerca di emancipazioni economiche (il monastero si voleva affrancare dalla secolare dipendenza dalle elemosine), di ordini religiosi sempre più forti e autorevoli, di donazioni e gesti collettivi per contribuire alle spese (con forme che oggi definiremmo di sponsorizzazione patrocinata). E di propaganda: i riti, anche quelli funerari, diventavano modernamentepropaganda, anzi propaganda politica, per perpetuare "l'eternità della fama".

La chiesa di Sant’Agostino a Modena. Pantheon Atestinum / Corradini, Elena; E., Garzillo; G., Polidori. - STAMPA. - (2002), pp. 8-317.

La chiesa di Sant’Agostino a Modena. Pantheon Atestinum

CORRADINI, Elena;
2002

Abstract

La chiesa di Sant'Agostino, topograficamente ultima presenza religiosa (quasi "di confine", o "di cerniera" verso il contado) entro la cerchia muraria modenese, rievoca - tutt'insieme - personaggi illustri, ordini devozionali e potere politico, vicende economiche e gestionali, cerimonie e fasti artistici. In un arco temporale di quasi sette secoli, a partire dall'impianto primitivo.Attraverso quelle della chiesa, si possono leggere e interpretate vicende dalle moderne connotazioni: di poco influenti ordini mendicanti alla ricerca di emancipazioni economiche (il monastero si voleva affrancare dalla secolare dipendenza dalle elemosine), di ordini religiosi sempre più forti e autorevoli, di donazioni e gesti collettivi per contribuire alle spese (con forme che oggi definiremmo di sponsorizzazione patrocinata). E di propaganda: i riti, anche quelli funerari, diventavano modernamentepropaganda, anzi propaganda politica, per perpetuare "l'eternità della fama".
Amilcare Pizzi
ITALIA
La chiesa di Sant’Agostino a Modena. Pantheon Atestinum / Corradini, Elena; E., Garzillo; G., Polidori. - STAMPA. - (2002), pp. 8-317.
Corradini, Elena; E., Garzillo; G., Polidori
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/588065
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact