L’archeobotanica è fondamentale per individuare le piante utilizzate nelle diete del passato, oltre che per fare luce su vari processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. Nell'ambito della disciplina sono soprattutto i reperti carpologici, per il livello tassonomico d'identificazione che possono raggiungere, che forniscono le informazioni più dettagliate su questo importante aspetto del rapporto uomo-piante nel corso del tempo. In Italia evidenze di nuovi ingredienti e preparazioni sono presenti già dall'Età del Ferro, ma è solo nel Periodo Romano che si assiste, grazie a tante prove materiali, ad una vera e propria “rivoluzione” in tutti gli aspetti che riguardano l'alimentazione umana. Questo processo continua poi per tutto il Medioevo, per raggiungere nel Rinascimento livelli d'innovazione e modernità molto elevati. Sulle piante alimentari evidenziate da reperti carpologici nel Nord Italia si stanno realizzando tre sintesi; quella sul Romano* è stata già pubblicata (Fig. 1), mentre quelle su Ferro° e Medioevo/Rinascimento, di cui i risultati preliminari sono stati presentati a convegni internazionali (Figg. 2, 3), sono in corso di preparazione. Queste sintesi mettono in luce diversi aspetti, fornendo importanti informazioni riguardo a pratiche agricole, scelte dietetiche, rapporto status/alimentazione, fino a evidenze di tradizioni legate a piante alimentari, delle quali alcune perdurate fino a tempi recenti nella stessa area geografica. * con M. Marchesini (CAA, Crevalcore - BO); ° con D. Fanetti (AR.CO., Como)

Archeobotanica e alimentazione: informazioni dal passato per il presente / Bosi, Giovanna; Castiglioni, Elisabetta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Rottoli, Mauro. - (2020), p. 158. ((Intervento presentato al convegno 115° Congresso S.B.I. tenutosi a Online nel 9 – 11 settembre 2020.

Archeobotanica e alimentazione: informazioni dal passato per il presente

Giovanna Bosi;Rossella Rinaldi;Marta Mazzanti;
2020

Abstract

L’archeobotanica è fondamentale per individuare le piante utilizzate nelle diete del passato, oltre che per fare luce su vari processi di trasformazione e di produzione degli alimenti. Nell'ambito della disciplina sono soprattutto i reperti carpologici, per il livello tassonomico d'identificazione che possono raggiungere, che forniscono le informazioni più dettagliate su questo importante aspetto del rapporto uomo-piante nel corso del tempo. In Italia evidenze di nuovi ingredienti e preparazioni sono presenti già dall'Età del Ferro, ma è solo nel Periodo Romano che si assiste, grazie a tante prove materiali, ad una vera e propria “rivoluzione” in tutti gli aspetti che riguardano l'alimentazione umana. Questo processo continua poi per tutto il Medioevo, per raggiungere nel Rinascimento livelli d'innovazione e modernità molto elevati. Sulle piante alimentari evidenziate da reperti carpologici nel Nord Italia si stanno realizzando tre sintesi; quella sul Romano* è stata già pubblicata (Fig. 1), mentre quelle su Ferro° e Medioevo/Rinascimento, di cui i risultati preliminari sono stati presentati a convegni internazionali (Figg. 2, 3), sono in corso di preparazione. Queste sintesi mettono in luce diversi aspetti, fornendo importanti informazioni riguardo a pratiche agricole, scelte dietetiche, rapporto status/alimentazione, fino a evidenze di tradizioni legate a piante alimentari, delle quali alcune perdurate fino a tempi recenti nella stessa area geografica. * con M. Marchesini (CAA, Crevalcore - BO); ° con D. Fanetti (AR.CO., Como)
115° Congresso S.B.I.
Online
9 – 11 settembre 2020
Bosi, Giovanna; Castiglioni, Elisabetta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Rottoli, Mauro
Archeobotanica e alimentazione: informazioni dal passato per il presente / Bosi, Giovanna; Castiglioni, Elisabetta; Rinaldi, Rossella; Mazzanti, Marta; Rottoli, Mauro. - (2020), p. 158. ((Intervento presentato al convegno 115° Congresso S.B.I. tenutosi a Online nel 9 – 11 settembre 2020.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1210030
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact