«In santità ostinata e contraria». Don Zeno e i «matti di Dio»