Bellissima tra scrittura e metacinema