Immagine e mito. Un carteggio tra Benjamin e Adorno