Un futuro da precari? Il lavoro dei giovani tra rassegnazione e opportunità